Skip to main content
Sede Rai con bandiera Friuli

Plui furlan su la Rai. I Comuns si movin


Leggi in italiano

Che i timps par une programazion radiotelevisive publiche teritoriâl in lenghe furlane a fossin, di un biel toc, madûrs al è un dât bielzà evident. I principis e lis particolaritâts che si cjatin te nature stesse de minorance presinte di secui in maniere fuarte tai teritoris dal Friûl a àn puartât, par la prime volte, tal 1077 cu la nassite de Patrie, a un prin ricognossiment formâl. Ce che al è restât, a vuê, in maniere plui evidente di chel timp storic, al rivuarde, probabil, la lenghe che e caraterize in maniere fuarte cheste tiere furlane. Une comunitât, di fat, par mieç dal propri lengaç, e esprim il rapuart salt che le lee al teritori rindint evident, cussì, la proprie identitât e la proprie posizion storiche. Tutelâ lis carateristichis des minorancis, a partî de lenghe, al è un dovê propit des societâts democratichis modernis che al à di esprimisi dant valôr aes diferencis e cjapant lis distancis di une massificazion e une gjeneralizazion culturâl che, in ultin, a puartaressin a ridusi l’om a un sempliç consumadôr acritic puar di riferiments culturâi autonoms. A cheste suaze, pluralistiche e democratiche, si scuen colegâ la tutele de ricjece linguistiche presinte in Italie. 

Vuê, chê minorance nassude dal Stât controlât dal Patriarcje di Aquilee, che al à metût dongje, fin al XV secul, il Friûl cun altris teritoris vicins intune stesse organizazion sociâl cuntune forme di struturazion civîl cetant fuarte, e che e je ancjemò vive, e conte, secont i dâts de Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane, 600 mil personis che a cjacarin in lenghe, 420 mil di chestis lu doprin dispès. Il dât al devente impuartant se cjalât in mût relatîf. Lis 600 mil personis che a cognossin la lenghe furlane a rapresentin plui dal 60 par cent de popolazion residente tes trê ex provinciis di Udin, Pordenon e Gurize. E, a volê cjapâ dentri intal calcul ancje i abitants dai teritoris de ex provincie di Triest, i furlans che a doprin il propri lengaç a son cirche la metât de popolazion totâl de regjon. Un altri profîl di considerâ al è chel dal numar di personis che a capissin il furlan e che a stan tes trê provinciis di lenghe furlane: al è il 90 par cent dal totâl.

A chescj numars impuartants si acompagne une sensibilitât continue cressinte dal tiessût socio-politic furlan, e ancje des istituzions che lu rapresentin e lu componin, orientade, par principi, viers un specific ricognossiment formâl de minorance e, daspò, cumò, simpri di plui, a une concrete atuazion dai valôrs garantîts in maniere primarie. A rivuart dal prin obietîf, e je stade predisponude la leç regjonâl n. 15, dai 22 di Març dal 1996, su la “tutele e la promozion de lenghe e de culture furlane e istituzion dal servizi pes lenghis regjonâls e minoritariis”. Al è, però, dome cu la leç statâl n. 482, dai 15 di Dicembar dal 1999, che a son stadis ricognossudis e tuteladis, suntun plan formâl nazionâl, lis minorancis storichis presintis intal teritori talian dant cussì plene atuazion al detât costituzionâl contignût intal articul 6 che al stabilìs il dovê de Republiche di difindi cun precisis leçs lis minorancis linguistichis, come decidût cui principis sovranazionâi. Se, duncje, lis disposizions pal ricognossiment de minorance furlane vuê a esistin e a vegnin consideradis di ducj di valôr, al è ancje condividût, tra i esperts e i operadôrs de materie, il fat di ritignî puars, se no parfin assents, i struments normatîfs e regolamentârs che a permetin di podê fâ, su di un plan pratic, dut chel che al è ricognossût dal pont di viste formâl. L’unic riferiment sistematic che, in chest câs, al pues jessi citât, al è la leç regjonâl n. 29, dai 18 di Dicembar dal 2007, su tutele, valorizazion e promozion de lenghe furlane. 

Si scuen marcjâ il fat, duncje, che vuê, a 28 agns da la aprovazion de prime leç sul furlan, pôc di concret al è stât fat. A front di un numar enorme di personis che a doprin la marilenghe e di un fuart percors socio-storic-politic secolâr, si è costrets a rilevâ une sproporzion, che no cjate justificazion, tra la sensibilitât identitarie de int che e vîf in chestis tieris e il lôr ricognossiment sostanziâl. 

Il furlan, lenghe e element carateristic dal teritori e dal popul, al va valorizât e doprât il plui pussibil, no dome parcè che nus spiete, ma, a ben viodi, ancje par un motîf di alte formazion culturâl gjenerâl. Par rivâ a chest fondamentâl risultât si riten che al sedi indispensabil meti adun une operazion di difusion de lenghe tâl di rindile ae puartade di ogni singul om tai varis aspiets de vite cuotidiane: te famee, te scuele, tai ambients socioculturâi, ta la informazion e ta la comunicazion. Cun riferiment a chest ultin aspiet, al è stât continui e cressint, tai agns, l’impegn che la societât furlane regjonâl e à metût dongje par fâ sintî il bisugn di une plui fuarte atenzion sul cantin. La logjiche che e sta sot a cheste sensibilitât si cjate tes impuartantis potenzialitâts che a son propriis dai mieçs di comunicazion, di chêi plui tradizionâi fin a chêi plui gnûfs. La comunitât furlane, in ogni câs, e considere ancjemò masse pocje la atenzion pe lenghe che e ven risiervade dai operadôrs dal setôr des notiziis e, par chescj motîfs, di recent si è mobilitade par rivâ a otignî un plui grant ricognossiment. In particolâr, i furlans a domandin a fuart un potenziament dai spazis dedicâts ae proprie minorance, e ai teritoris che la stesse e je presinte, dentri de programazion de Rai, in considerazion dal fat che il servizi public radiotelevisîf al rapresente une des fondis dal sisteme dal Stât di dirit, al costituìs un strument pe informazion e al è, ancje, un organisim che al gjenere culture. Al è impuartant visâsi che la convenzion che e regole la programazion Rai pe minorance furlane stipulade da la aziende concessionarie dal servizi public radiotelevisîf cul Dipartiment par la informazion e la editorie de Presidence dal Consei dai Ministris e je, inta date che si scrîf, scjadude e prorogade in spiete di un prossim inzornament. Al è chest il timp just par podê integrâ te sostance il strument che a poin lis trasmissions pai teritoris e pe minorance furlane te television di Stât. Il dibatit vignût fûr intai ultins mês tra i lavoradôrs de Rai, i sindacâts, lis rapresentancis politichis, i ents e lis associazions culturâls e la societât civîl regjonâl sul futûr de ufierte radiotelevisive regjonâl metude dongje de Rai pes minorancis storichis e linguistichis, al à puartât ae scriture de propueste di gnove convenzion. La atenzion cressinte su chestis tematichis a àn cjatât un storic pont di sintesi ai 19 di Mai te conference “La Rai dal Friûl-Vignesie Julie, un gnûf progjet ta la Europe cence confins” metude adun dai sindacâts CGIL, CISL, UIL e Assostampa, che si è tignude a Nova Gorica, lûc dal alt valôr simbolic. In chê ocasion e je stade rindude publiche la propueste di gnove convenzion. 

Il progjet al previôt la ativazion di une programazion informative gjornalistiche radiotelevisive cuotidiane in lenghe furlane, la istituzion di une comission paritetiche di control su lis trasmissions cu la partecipazion di cualchi rapresentant de lenghe e de culture furlane par tignî di voli la atuazion de convenzion, la digjitalizazion di ducj i archivis dai programs prodots pe minorance, ancje par une liberalizazion dai contignûts viers la comunitât, il potenziament dal nivel tecnologjic des trasmissions che al permeti l’adeguament cualitatîf in alte definizion dai segnâi televisîfs regjonâi e la introduzion dai canâi radiofonics cu la tecnologjie digjitâl (DAB). 

Il sostegn manifestât in chescj mês par chest impuartant progjet al è totâl e al proven dal teritori, de politiche, dai istitûts, dai ents e des associazions furlanis e, ancje, de Glesie. Dut chest al fâs capî la impuartance che e rapresentarès, par il popul furlan, un potenziament significatîf de lenghe di mût di jessi presinte te vite di ogni dì de int e di ce tant che e sedi urgjente une sô concretizazion. 

A son numerosis, di consecuence, lis iniziativis in jessi a sostegn dal progjet. De bande des istituzions si scuen citâ lis mozions n. 10 e n. 46 fatis buinis a la unanimitât dal Consei regjonâl, ai 4 di Lui dal 2023 e il Prin di Fevrâr dal 2024. A chestis iniziativis e je lade daûr une manifestazion formâl dai Conseis comunâi, in cualitât di lûcs di rapresentance plui dongje ai teritoris e, duncje, de int che e cjale la television e e scolte la radio, a supuart dal progjet. E je in cors, di fat, la aprovazion, in plui di 100 municipis furlans, di un ordin dal dì che o ai promovût jo e aprovât, par la prime volte, ai 6 di Fevrâr dal 2024, dal Consei di Tumieç. A vuê il document al è stât adotât ancje da la Assemblee de Comunitât Linguistiche Furlane (ACLiF) e diviersis desenis di Comuns e ents sovracomunâi lu àn ae unanimitât aprovât e spedît ae dirigjence Rai, al Dipartiment par la informazion e la editorie de Presidence dal Consei dai Ministris e ai politics regjonâi. Ai 26 di Fevrâr ancje la Citât di Udin, Capitâl dal Friûl, e à cussì esprimût il supuart plen al progjet. 

Sot dal profîl socioculturâl, e merete ricognossude la azion de Societât Filologjiche Furlane, che e à puartât ae cunvigne “Rai pal Friûl”, metude adun cu la ACLiF che si è tignude ai 14 di Març stât, che a àn partecipât il president dal Ordin dal Gjornaliscj dal Friûl-Vignesie Julie, Cristiano Degano, e il gjornalist de redazion Rai di Bolzan pe minorance linguistiche ladine Mateo Taibon. Da lis dôs relazions al è stât pussibil capî che lis minorancis furlane e ladine a condividin i stes principis e une situazion storiche e politiche che a permetin di reclamâ cun fuarce une vere autonomie radiotelevisive. Il troi inviât de comunitât linguistiche ladine, no cate che al vedi un numar di personis che a tabain la lenghe cetant plui bas rispiet a chel de comunitât furlane, al à cjatât une definitive concretizazion cu la istituzion, intal 2013, di une redazion gjornalistiche autonome che, cuntune struture tecniche dedicade, vuê e à plui di dîs redatôrs. Cheste organizazion e permet di preparâ dôs edizions in dì dal telegjornâl e doi radiogjornâi. Dongje di cheste struture par la informazion e je une dedicade ai programs li che a lavorin cuatri programiscj e tancj colaboradôrs esternis. Cemût che al à dit Taibon: «Il Tg al è une fuarte afermazion dal nestri grup linguistic, de relative normalitât e chest nus da dignitât. Chest strument al permet che la nestre lenghe no vegni metude di bande e che e sedi doprade come chês altris par tabaiâ di ducj i argoments. Il telegjornâl – al continue il gjornalist – cu la sô vastitât di tematichis, al è di interès gjenerâl e al è dongje ae cuotidianitât de int. La informazion e interesse ducj. La culture, invezit, spes e je par la élite. Cheste no je une cuistion di folclôr». Pinsîr che al vâl une vore ancje par la comunitât linguistiche furlane. 

La situazion di vuê da la programazion furlane in Rai, invezit, e je cetant mancul svilupade rispiet a chê dai cusins ladins. La convenzion in vigôr dal 2022, di fat, si limite a cognossi un pachet di 150 oris di trasmissions radiofonichis e di 40 oris televisivis intun an in lenghe furlane, par un invistiment de bande dal Stât di un milion di euros. Chescj dâts a dimostrin une diference evidente tra lis minorancis furlane e ladine, che a apartegnin, dutis e dôs, ae stesse famee linguistiche e che a son similârs sot tancj aspiets. 

Duncje, cemût che si diseve sul principi, e je ore di garantî ae comunitât linguistiche furlane une significative ufierte radiotelevisive Rai dedicade che, par mieç de lenghe, e permeti une valorizazion dai teritoris e de popolazion, cirint confronts e stimolant contaminazions. 

Il popul furlan al spere che chest obietîf al puedi jessi realizât in curt, che lis domandis viers il Guvier no restin no scoltadis e che la Regjon Friûl-Vignesie Julie e condividi cheste cause. Par rivâ prime pussibil a une atuazion de gnove convenzion si spere che, se al ves di coventâ, l’ent regjonâl al judi integrant dal pont di viste economic la convenzion nazionâl sul furlan cussì come e fâs, bielzà, la Provincie di Bolzan cu la minorance ladine. 

Al covente che ducj i sogjets coinvolts a operin adun par rindi concret chest obietîf cussì di jemplâ di valôr chel principi fondamentâl contignût intal articul 6 de Costituzion che, par masse timp, al è stât dome une gote di ingjustri su la cjarte.

Più friulano sulla Rai. La mobilitazione dei Comuni

Leggi in friuano

Che i tempi per una programmazione radiotelevisiva pubblica territoriale in lingua friulana fossero, da tempo, maturi è un dato ormai evidente. I presupposti e le peculiarità insiti nella natura stessa della minoranza da secoli presente e radicata nei territori del Friuli portarono, per la prima volta, nel 1077 con la nascita della Patria, a una sua oggettivazione formale. Il lascito più evidente di quel periodo storico riguarda, molto probabilmente, la lingua che, ancor oggi, contraddistingue fortemente queste terre friulane. Una comunità, infatti, attraverso il proprio idioma esprime l’indissolubile rapporto che la lega al territorio esteriorizzando così la propria identità e la propria posizione storica. Salvaguardare le peculiarità delle minoranze, a cominciare dalla lingua, è un dovere connaturato nelle società democratiche moderne che deve esprimersi valorizzando le differenze e rifiutando una massificazione e una generalizzazione culturale che, in ultima analisi, rischierebbero di ridurre l’individuo ad un consumatore acritico privo di riferimenti culturali autonomi. È a questa cornice valoriale, pluralistica e democratica, che deve ricondursi la tutela delle ricchezze linguistiche presenti in Italia. 

Oggi, quella minoranza nata dallo Stato controllato dal Patriarca di Aquileia, che ha riunito, fino al XV secolo, il Friuli e alcuni territori contermini in un’unica organizzazione sociale con forme di strutturazione civile molto avanzate, e sopravvissuta sino a noi, conta, secondo i dati dell’Agenzia Regionale per la Lingua Friulana, 600 mila persone che parlano il friulano, di cui 420 mila che lo utilizzano regolarmente. Il dato si pregna di significato se osservato in termini relativi. Le 600 mila persone che conoscono la lingua friulana rappresentano più del 60 per cento della popolazione residente nelle tre ex province di Udine, Pordenone e Gorizia. E, a voler includere nel conteggio anche gli abitanti dei territori dell’ex provincia di Trieste, i friulani che utilizzano il proprio idioma risultano essere circa la metà della popolazione complessiva della regione. Un altro profilo considerevole riguarda il numero delle persone che comprendono il friulano residenti nelle tre province friulanofone: rappresenta il 90 per cento del totale. 

A tali importanti dati numerici si accompagna una costante crescente sensibilità del tessuto socio-popolare friulano, oltreché delle istituzioni che lo rappresentano e lo compongono, orientata, in un primo tempo, verso uno specifico riconoscimento formale della minoranza e, poi, ora, sempre di più, ad un’effettiva attuazione dei valori così primariamente garantiti. Relativamente al primo obiettivo, fu trovata una copertura legislativa tramite la legge regionale n. 15, del 22 marzo 1996, concernente “la tutela e la promozione della lingua e della cultura friulane e istituzione del servizio per le lingue regionali e minoritarie”. È, però, soltanto con la legge statale n. 482, del 15 dicembre 1999, che si riconobbero e si tutelarono, su un piano formale nazionale, le minoranze storiche presenti sul territorio italiano dando così piena attuazione al dettato costituzionale contenuto nell’articolo 6 che sancisce il dovere, in capo alla Repubblica, di salvaguardare con apposite norme le minoranze linguistiche, in armonia con quanto stabilito dai principi sovranazionali. Se, dunque, le disposizioni orientate al riconoscimento della minoranza friulana, oggigiorno, esistono e vengono universalmente considerate di alto contenuto valoriale, c’è, altresì, unanime accordo, tra i cultori e gli operatori della materia, nel ritenere carenti, se non addirittura privi, gli strumenti normativi e regolamentari che assistono e disciplinano l’attuazione, sul piano pratico, di quanto statuito e riconosciuto formalmente. L’unico sostanziale riferimento sistematico che, in questo caso, può essere menzionato, è la legge regionale n.29, del 18 dicembre 2007, sulla tutela, sulla valorizzazione e sulla promozione della lingua friulana. 

È doveroso rilevare, dunque, che oggi, a 28 anni dall’approvazione della prima legge sul friulano, poco di concreto è stato realizzato. A fronte di un grandissimo numero di persone parlanti e di un pregnante percorso socio-storico-geografico secolare, si è costretti a rilevare una sproporzione, ingiustificata ed ingiustificabile, tra la sensibilità identitaria delle genti che vivono queste terre e il loro riconoscimento sostanziale. 

Il friulano, quale lingua ed elemento caratterizzante il territorio e gli abitanti, necessita di essere valorizzato e maggiormente utilizzato, non soltanto asetticamente per una ragione di pura spettanza, ma, a ben vedere, anche per una finalità di alto accrescimento culturale generale. Per giungere a questo fondamentale obiettivo si ritiene che sia indispensabile attuare un’operazione di diffusione della lingua tale da renderla alla portata di ogni singolo individuo nelle sfaccettature più varie della vita quotidiana, nella famiglia, nella scuola, negli ambienti socioculturali, nell’informazione e nella comunicazione. Con riferimento a quest’ultimo aspetto, è stato continuo e crescente, negli anni, l’impegno che la società friulana regionale ha manifestato per ribadire la necessità di una maggiore attenzione sulla tematica. La logica che sottende a tale sensibilità è da rinvenirsi nelle importanti potenzialità che contraddistinguono i mezzi di comunicazione, da quelli più tradizionali sino ai più moderni. La comunità friulana, tuttavia, considera ancora insufficiente l’attenzione riservata dagli operatori del settore dei media all’idioma friulano e, per tali ragioni, recentemente si è mobilitata al fine di ottenerne un maggiore riconoscimento. Nello specifico, i friulani chiedono a gran voce un potenziamento degli spazi dedicati alla propria minoranza, e ai territori in cui la stessa è radicata, all’interno dei palinsesti della Rai, in considerazione del fatto che il servizio pubblico radiotelevisivo rappresenta uno dei cardini del sistema dello Stato di diritto, costituisce uno strumento per l’informazione ed è, altresì, un organismo che genera cultura. È opportuno rammentare che la convenzione che regola la programmazione Rai destinata alla minoranza friulana stipulata dall’azienda concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo con il Dipartimento per l’informazione e l’editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri risulta, alla data odierna, scaduta e in regime di proroga in attesa di un imminente futuro rinnovo. È quello attuale, dunque, il momento opportuno per poter implementare nella sostanza lo strumento posto a fondamenta delle trasmissioni dedicate ai territori e alla minoranza friulana nella televisione di Stato. Il dibattito instaurato negli ultimi mesi tra le maestranze Rai, le sigle sindacali, le rappresentanze politiche, gli enti e le associazioni culturali e la società civile regionale riguardante le prospettive future dell’offerta radiotelevisiva regionale erogata dalla Rai per le minoranze storico-linguistiche, ha portato alla formulazione della proposta di nuova convenzione. L’attenzione crescente circa le tematiche testé enunciate ha trovato uno storico punto di sintesi il 19 maggio scorso nella conferenza “La Rai del Friuli-Venezia Giulia, un nuovo progetto nell’Europa senza confini”, organizzata dalle sigle sindacali di categoria CGIL, CISL, UIL e Assostampa, svoltasi a Nova Gorica, luogo dall’alto valore simbolico. In quell’occasione è stata licenziata la proposta di nuova convenzione. 

Tale progetto prevede l’attivazione di una programmazione informativa giornalistica radiotelevisiva quotidiana in lingua friulana, l’istituzione di una commissione paritetica di vigilanza sulle trasmissioni con la partecipazione di alcuni rappresentanti della lingua e della cultura friulana al fine di sovrintendere l’attuazione della convenzione, la digitalizzazione di tutti gli archivi dei programmi prodotti per le minoranze linguistiche, anche al fine di una liberalizzazione dei contenuti verso la comunità, l’innalzamento del livello tecnologico delle trasmissioni che consenta l’adeguamento qualitativo in alta definizione dei segnali televisivi regionali e l’introduzione dei canali radiofonici in tecnologia digitale (DAB). 

L’appoggio manifestato in questi mesi per questo importante progetto è unanime e proviene dal territorio, dalla politica, dagli istituti, dagli enti e dalle associazioni friulane e, financo, dalla Chiesa. Ciò testimonia l’importanza che rappresenterebbe, per il popolo friulano, un significativo potenziamento della lingua tale da pervadere la quotidianità delle genti e di quanto sia sentita l’urgenza di una sua concretizzazione. 

Sono numerose, di conseguenza, le iniziative attualmente in essere a sostegno del progetto. Dai fronti istituzionali appare doveroso citare le mozioni n. 10 e n. 46 approvate all’unanimità dal Consiglio regionale, rispettivamente il 4 luglio 2023 e il primo febbraio 2024. A tali iniziative ha fatto seguito una formale presa di posizione dei Consigli comunali, quali organi di rappresentanza più vicini ai territori e, quindi, ai fruitori del servizio radiotelevisivo, a supporto del progetto. È tuttora in corso, infatti, l’approvazione, negli oltre 100 municipi friulani, di un ordine del giorno promosso dal sottoscritto ed approvato, in primis, il 6 febbraio scorso, dal Consiglio di Tolmezzo. Ad oggi il documento è stato adottato anche dall’Assemblea della Comunità Linguistica Friulana (ACLiF) e diverse decine di Comuni ed enti sovracomunali lo hanno unanimemente approvato inoltrandolo alla dirigenza Rai, al Dipartimento per l’informazione e l’editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri e agli organi politici regionali. Il 26 febbraio scorso anche la Città di Udine, Capitale del Friuli, ha così manifestato incondizionato sostegno e supporto al progetto. 

Sotto il profilo socioculturale, merita un plauso l’impegno profuso dalla Società Filologica Friulana, sfociato nell’importante simposio “Rai pal Friûl”, organizzato di concerto con l’ACLiF e svoltosi il 14 marzo scorso, a cui hanno partecipato il presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Friuli-Venezia Giulia, Cristiano Degano, e il giornalista della redazione Rai di Bolzano per la minoranza linguistica ladina Mateo Taibon. Dalle due relazioni è stato possibile evincere che le minoranze friulana e ladina condividono i medesimi presupposti ed una situazione storico-politica che permettono di reclamare con forza una vera autonomia radiotelevisiva. Il percorso intrapreso dalla comunità linguistica ladina, nonostante sia caratterizzata un numero di parlanti nettamente inferiore rispetto a quello della comunità friulana, ha trovato una definitiva concretizzazione con l’istituzione, nel 2013, di una redazione giornalistica autonoma che, con una struttura tecnica dedicata, conta, attualmente, una decina di redattori. Tale organizzazione consente di realizzare due edizioni giornaliere del telegiornale e due radiogiornali. Ad affiancare la struttura dedicata all’informazione ne è presente una seconda dedicata ai programmi con un organico di quattro programmisti ladini e di molti collaboratori esterni. Come ben ha affermato Taibon: «Il Tg è una forte affermazione del nostro gruppo linguistico, della relativa normalità e ciò ci dà dignità. Tale strumento permette che la nostra lingua non venga accantonata e che sia utilizzata, alla stregua di tutte le altre, per parlare di qualsivoglia argomento. Il telegiornale – continua il redattore – con la sua ampiezza di tematiche, risulta essere di interesse generale e si pone in una relazione di vicinanza alla realtà quotidiana della gente. L’informazione interessa tutti mentre l’attenzione per la cultura spesso è caratteristica dell’élite. Non è una questione di folclorismo». Ragionamento che si condivide e che si ritiene essere di valore anche per la comunità linguistica friulana. 

La situazione odierna relativa alla programmazione friulana in Rai, invece, risulta essere molto meno sviluppata rispetto a quella dei cugini ladini. La convenzione vigente dal 2022, infatti, si limita a riconoscere un plafond di 150 ore di trasmissioni radiofoniche e di 40 ore televisive annue in lingua friulana a fronte di uno stanziamento da parte dello Stato di un milione di euro. Tali dati dimostrano una sperequazione clamorosa tra le minoranze linguistiche friulana e ladina, peraltro appartenenti alla stessa famiglia linguistica e similari sotto moltissimi profili. 

Dunque, come si diceva in incipit, è giunto il momento di assicurare alla comunità linguistica friulana una cospicua offerta radiotelevisiva Rai ad essa dedicata che, grazie all’utilizzo della lingua, permetta una valorizzazione dei territori e della popolazione, ricercando confronti e stimolando contaminazioni. 

Il popolo friulano si auspica che tale obiettivo possa essere presto concretizzato, che le istanze dirette al Governo non rimangano inaudite e che la Regione Friuli-Venezia Giulia ne condivida la causa. Al fine di giungere al più presto ad un’attuazione della nuova convezione si spera che, se del caso, l’ente regionale giunga in soccorso integrando economicamente la convenzione nazionale sul friulano così come già fa la Provincia di Bolzano riguardo alla minoranza ladina. 

È necessario che tutti i soggetti coinvolti operino di concerto al fine di concretizzare questo obiettivo rendendo finalmente pregno di significato quel principio fondamentale sancito all’articolo 6 della Carta costituzionale che, per troppo tempo, è rimasto soltanto una goccia di china su carta. 

Gabriele Moser

Dal 2019 ricopre la carica di consigliere comunale della Città di Tolmezzo. Sin da giovanissimo appassionato dei media, negli anni ha collaborato con diverse emittenti radiotelevisive friulane, iniziando come videomaker. Dal 2018 è giornalista pubblicista ed attualmente lavora per la Rai del Friuli-Venezia Giulia.

Iscriviti alla newsletter de Il Passo Giusto per ricevere gli aggiornamenti