Skip to main content

Numero 11 del 10 maggio 2024

Numero 7 | 16 marzo 2024


Tanto tuonò che piovve! Dopo due anni di proclami, alla fine le Comunità Energetiche possono nascere

Ci sono voluti 19 mesi perché le norme sulle Comunità Energetiche Rinnovabili (CER) trovassero il loro completamento; i due decreti regolatori della materia (uno di ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) e l’altro del MASE (Ministero dell’ambiente e della sicurezza energetica), oltre alle regole tecniche del GSE (Gestore dei Servizi Energetici) tanto ci hanno messo…

Monfalcone a tutto gas

È rimasta confinata quasi esclusivamente sui media locali una vicenda che avrebbe meritato maggiore risonanza. Si tratta del progetto di costruzione di una nuova grande centrale termoelettrica a Monfalcone, alimentata a gas metano. Un gas, va ricordato, la cui formula chimica è CH4 (dato molto importante, come si vedrà). Gli antefatti A Monfalcone esiste dalla metà degli anni ‘60 una centrale termoelettrica alimentata a carbone, su due gruppi da 336 MW di potenza complessiva (ai quali negli anni ‘70 erano stati aggiunti anche due gruppi ad olio combustibile da 320 MW ciascuno, poi …

Cimpello-Sequals-Gemona. Progetti che vengono da lontano, respinti, ma ripresentati senza fine.

2 marzo 2024 Con un articolo su Il Gazzettino, anziché per le vie doverosamente istituzionali, la Regione annuncia di abbandonare l’ipotesi di proseguire la Cimpello-Sequals verso Gemona attraverso il devastante percorso Pinzano-Flagogna-Cornino-Majano. È la fine di una battaglia di vent’anni fra la politica regionale di varie Giunte succedutesi negli anni e la popolazione. È una delle tante vicende che fanno la storia del difficile rapporto fra i cittadini e i propri rappresentanti, i quali ultimi rispondono troppo spesso con una sorta di riflesso pavloviano agli interessi di quei…

Edilizia friulana, storia di una decrescita felice?

Molte caratteristiche infrastrutturali (nel senso più ampio del termine) del Friuli, sono strettamente legate all’andamento ed alla storia del settore edile, alle scelte di fondo che ne hanno caratterizzato gli obiettivi ed i percorsi, particolarmente dopo grandi eventi distruttivi come i conflitti mondiali ed il terremoto del 1976. Senza dover risalire alla Prima guerra mondiale del 1915-‘18, che ebbe il Friuli quale principale scenario dello scontro con l’esercito dell’Impero Austro-Ungarico, occorre dire che anche dopo la Seconda guerra mondiale, la scelta prioritaria da noi non fu quell…

Lago dei Tre Comuni: berranno ancora un sorso?

Il 30 marzo 1948 veniva inaugurata la diga di Sauris, un capolavoro dell’ingegneria e del progresso alto 136 metri, costruito nella valle del Lumiei. Da quel giorno, diga dopo diga, presa dopo presa, tanta acqua non è più passata sotto i ponti della Carnia, trasformando gli scenari, gli ambienti e le abitudini degli abitanti delle vallate. Prima si presero il Lumiei, poi fu la volta del Navarza e di tutti gli affluenti di sinistra orografica della Alta Val Tagliamento; successivamente toccò al Tagliamento stesso, a Caprizzi, assieme ai suoi affluenti di destra; dopo, al Degano. Inf…

Guerrino Dirindin e le parole della terra

Nel 1950 Sebastiano Dirindin si vide costretto a chiudere oltre quattrocento anni di storia della famiglia, rinunciando al trasporto fluviale sul Noncello. Non fu solamente la fine di un lavoro, ma di un modo di vivere: i burchi, così si chiamavano le barche costruite per il trasporto fluviale, violavano l’acqua delle lagune, dei canali e dei fiumi da quando il sole sorgeva al tramonto e risalendo navigavano trascinati da cavalli e buoi dalle rive, se il tempo lo permetteva. La vita trascorreva sull’acqua, con ritmi e suoni che si accordavano con quelli naturali. Nulla era romantic…

Il contributo del Friuli-Venezia Giulia al funerale della democrazia rappresentativa

Gli anni passano, “i figli crescono e le mamme invecchiano”, e anche la Repubblica in cui viviamo non è più quella di una volta. La Costituzione è quasi la stessa, salvo rare modifiche e meno rare interpretazioni della Corte, attenta annusatrice degli odori che girano per la società. La questione centrale, proprio in riferimento alla concezione stessa di democrazia nel nostro ambito spaziale, è quella delle regole elettorali. Si è passati nell’arco di 30 anni da una pur instabile democrazia rappresentativa ad una altrettanto precaria visione legata alla centralità della funzione di…

Il ddl Salvini sul codice della strada è un attentato all’autonomia

Il disegno di legge C. 1435, anche detto ddl Salvini sul codice della strada, rappresenta un drammatico passo indietro rispetto a tutti gli sforzi tesi alla sicurezza stradale che si sono fatti negli ultimi anni. Questo è un dato di fatto che è stato ben sottolineato il 28 febbraio 2024 a Bologna nell’incontro di amministratrici e amministratori e associazioni da tutta Italia e di ogni parte politica sulla sicurezza stradale e sulle città 30 organizzato dal Comune di Bologna e dall’Alleanza per le Transizioni Giuste (si può vedere l’intera registrazione dell’evento qui) Avevamo già…

Ragionare sulla salute mentale da un punto di vista di genere è politica

“È tutto nella sua testa”. È questo il titolo di un nuovo libro pubblicato negli Stati Uniti (e speriamo presto tradotto in italiano), dedicato alla salute delle donne. Fa riferimento al fatto che, quando una donna parla di un suo stare male, di sintomi e di sensazioni, la maggior parte delle volte non viene creduta oppure viene sminuita. Questo non essere ascoltata, va a normalizzare un malstare delle donne, riducendo spesso i loro malesseri a delle semplici lamentele. È il ciclo, sono gli ormoni, è stata la gravidanza o poi la menopausa; passerà. Insomma, le parole non sono state…

Iscriviti alla newsletter de Il Passo Giusto per ricevere gli aggiornamenti