Skip to main content
arlef wc vignetta

Il profîl Instagram de ARLeF… cuintri dal status de lenghe furlane


Inte planificazion linguistiche par une lenghe in pericul, si individuin pal solit trê cjamps: la planificazion dal corpus (codificazion de grafie, dal lessic, e v.i.); la planificazion dal status (concet che la int e à de lenghe e ûs de lenghe te societât); la acuisizion di gnûfs locutôrs (pal plui cul passaç aes gnovis gjenerazions e cul insegnament).

In chest scrit o cjapìn in considerazion il status e o podìn viodi che tes ultimis desenis di agns a son stâts cambiaments, in gjenar positîfs ma che inmò no bastin.

La cundizion di minorizazion de lenghe furlane e je tacade cu la anession al ream di Italie, che al leve daûr di un model nazionalist agressîf: lis istituzions e i grups di podê no dome a àn slargjât la cognossince de lenghe taliane tant che lenghe comune (che e je une robe buine, come cualsisei slargjament di cognossincis), ma a àn ancje cirût di scancelâ dut ce che nol jere talian (e cheste invezit e je une robe negative e une distruzion dal patrimoni culturâl de Italie stesse, come se si volès tignî dome lis oparis di art dal Rinassiment e distruzi dutis chês altris). Chestis dôs azions a son stadis presentadis insiemi, ma invezit a son indipendentis: si varès benon podût slargjâ il talian tant che lenghe comune, valorizant e tignint ancje i “dialets” e lis lenghis locâls.

La dinamiche di eliminazion de lenghe furlane (insiemi cun chê di altris lenghis e dialets) e je passade par azions tipichis:

  • escludi la lenghe de presince publiche;
  • improibîle te scuele;
  • no ricognossi al furlan status di lenghe e definîlu un dialet;
  • leâ la lenghe furlane a valôrs negatîfs di miserie e alcolisim;
  • leâ la lenghe furlane a contignûts passâts, folclorics o di barzalete;
  • fâ in mût che lis fameis furlanis a pensassin che fevelâ par furlan cui fruts ur varès impedît di imparâ ben il talian e duncje di fâ strade te vite.

Al è dome par vie di chestis azions se la lenghe furlane e je in pericul di estinzion.

Une resistence linguistiche e une resistence civîl

Al è di dî, però, che e je stade ancje une reazion: sedi a nivel popolâr che a nivel di inteletuâi no son mancjâts in Friûl chei che si son batûts cuintri di cheste injustizie e che a àn cjatât interlocutôrs tes istituzions talianis e europeanis.

Cussì vie pal Nûfcent, soredut te seconde metât, e je stade un floridure leterarie e musicâl, une presince di mieçs di informazion militants (la Patrie dal Friûl e Radio Onde Furlane, par fâ dome doi nons), une azion politiche che e à puartât al ricognossiment dal status di lenghe e a piçulis azions di tutele istituzionâl, une azion tecniche sul corpus che e à puartât a risultâts che, tal panorame des minorancis linguistichis in Italie, si puedin calcolâ straordenaris (definizion de grafie uficiâl, de lenghe standard, elaborazion di dizionaris, coretôr e tradutôr automatic…).

Chescj risultâts positîfs a son rivâts a cambiâ une vore in miôr ancje la considerazion che la int, in gjenerâl, e à dal furlan: fin tai agns ’80-’90 dal secul passât a jerin ancjemò presintis la stigmatizazion, la vergogne, la opinion negative; in dì di vuê la opinion gjenerâl e je che il furlan al è une lenghe (no un dialet), che al è biel (e no volgâr, fat dome pe stale e pe ostarie), che al è impuartant tant che patrimoni culturâl (e no un ostacul culturâl di butâ vie).

Al è un cambiament straordenari, ma nol baste a dâ buinis prospetivis di sperance: dispès di fat si trate di un mudament a nivel cussient, dialetic, ma a nivel profont, ancje incussient, e va indenant la inerzie inviade de minorizazion, che e à rot il passaç de lenghe aes gnovis gjenerazions dentri des fameis.

Il prossim scjalin che al coventarès, pal status, al sarès chel di fâ in maniere che la int e sepi, e pensi e soredut e sinti che la lenghe furlane no dome e à “bielece” e “valôr culturâl”, ma che e à ancje “utilitât”: nol sarà facil.

E al sarà ancjemò mancul facil se lis istituzions stessis che a varessin di vê a cûr l’avignî de lenghe furlane a mostrin di no vê ombre di cussience di cheste situazion: l’esempli plui clâr al è il profîl di Instagram de Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane, che e fâs fâ un salt indaûr di cincuante agns al status de lenghe furlane, butantlu in barzalete. O podarès descrivi in detai la mancjance di program, di inteligjence e di contignût des passe 600 publicazions dal profîl, ma al baste mostrâ chi une imagjin emblematiche che e vâl plui di mil peraulis.

Al è impuartant il messaç, ma ancje cui che lu mande

Cemût isal pussibil che propit la ARLeF e dopri i bêçs publics e e pai professioniscj par elaborâ messaçs che a butin il furlan in barzalete in cheste maniere?

In part al è un dai misteris di une Agjenzie li che dispès lis robis a sucedin cence passâ in maniere clare pal Comitât Tecnic Sientific e nancje pal Consei di Aministrazion, che par altri a son componûts pe plui part di membris che no doprin Instagram: alore la responsabilitât e je dal president e dal diretôr.

In part al è il risultât di un disinterès pal contignût e di un interès pal risultât (il risultât meschin e particolâr, no il risultât positîf gjenerâl pe lenghe furlane): chê imagjin che o vin metût ca parsore e à vût plui di 1.500 likes, che tal mont di Instagram a son robe di pôc, ma che a bastin par lusingâ i responsabii di cheste azion e di fâur pensâ che, invezit di jessi une vergogne, e je une grande biele idee.

E mi domandaran ancje: se cheste imagjin (come tantis altris dal profîl IG de ARLeF) e je tant vergognose, cemût ise che plui di 1.500 di lôr a àn metût “mi plâs”?

Facil: pe cundizion di minorizazion, li che un contignût ridicul, ancje se stupit, al fâs part dal filon di folclorizazion e barzalete li che il furlan al è stât condanât par plui di un secul, e parcè che te scjarsetât di presince di furlan te comunicazion di masse e tes rêts sociâls “alc al è alc e nuie al è nuie”. E alore i utents a metin “mi plâs” a cualsisei robe.

Intindìnsi: se un privât al vûl fâ barzaletis par furlan, al va benon che lis fasi, come in ogni lenghe dal mont, ma che lis fasi la ARLeF, in cheste maniere, al è dome un segnâl di ignorance e incompetence iresponsabile.

No je nissune altre istituzion di tutele di lenghis minorizadis in Europe che e fasi robis dal gjenar: pe stesse reson che lis barzaletis sui carabinîrs a fasin ridi ducj, ma no si spietisi di cjatâlis tal profîl istituzionâl de Arme dai Carabinîrs, e pe stesse reson che lis imagjins di feminis une vore pôc vistudis a àn milions di likes, ma nol è il contignût che si spietisi che e publichi une istituzion pe paritât tra om e femine.

Sandri Carrozzo

Laureât in letaris classichis, tradutôr cun Pierluigi Visintin de “Odissee” di Omêr. President de cooperative Serling. Lessicograf e revisôr tal progjet dal Grant Dizionari Bilengâl Talian-Furlan. Responsabil pe part linguistiche di Coretôr Ortografic Furlan e Dizionari Ortografic Furlan; tradutôr automatic talian-furlan Jude.

Iscriviti alla newsletter de Il Passo Giusto per ricevere gli aggiornamenti